top of page

SEGNALAZIONI

WHISTLEBLOWING

Il Whistleblowing ha la finalità di far emergere illeciti di interesse generale di un’organizzazione pubblica o privata da

parte di chi lavora o è in contatto con essa nello svolgimento della propria attività.

La disciplina del whistleblowing
D.lgs. n. 24/2023 attuativo della Direttiva Europea n. 1937/2019

Gli elementi principali della disciplina:

  • Strumento di prevenzione degli illeciti;

  • Manifestazione di un diritto;

  • Unico testo normativo canali di segnalazione e tutele (settore pubblico e privato);

  • Maggior tutela whistleblower.

Il decreto affida ad ANAC – Autorità Nazionale Anticorruzione tre poteri: potere regolatorio, potere di gestione segnalazioni esterne e potere sanzionatorio.

I canali di segnalazione generalmente previsti per render noto un illecito sono i seguenti:

  • Interno – procedura di whistleblowing aziendale

  • Esterno gestito da ANAC

  • Divulgazioni pubbliche

  • Denuncia autorità

 

CANALE DI SEGNALAZIONE AZIENDALE

I TERMINI DI ADEGUAMENTO

Dall’entrata in vigore della disciplina, tutte le aziende che rientrano nel perimetro del Decreto sono obbligate a mettere a disposizione il proprio canale di segnalazione degli illeciti.

Per le aziende con un numero di dipendenti superiori a 250 nell’anno precedente (in media), l’obbligo è a partire dal 15 luglio 2023.  Il termine più ampio del 17 dicembre 2023 si riferisce ai soggetti del settore privato che hanno impiegato fino a 249 lavoratori nell’ultimo anno.

L’ambito di applicazione della disciplina si differenzia in base a:

  • oggetto della violazione;

  • natura del soggetto, pubblico o privato, cui appartiene il segnalante;

  • dimensioni dell’ente privato e concreta applicabilità: il Decreto estende l’obbligo di implementare un canale di segnalazione degli illeciti anche alle aziende dei cosiddetti settori sensibili (a titolo esemplificativo: mercati finanziari, prevenzione del riciclaggio e finanziamento del terrorismo, sicurezza dei trasporti e tutela dell’ambiente) con un numero medio di dipendenti inferiore a 50 nell’anno precedente.

Cosa si può segnalare?

  • Illeciti amministrativi, contabili, civili, penali

  • Condotte illecite o violazioni di modelli di organizzazione (ove previsti)

  • Violazioni di disposizioni normative europee

Le disposizioni non si applicano alle contestazioni o rivendicazione di interesse personale / rapporti individuali.

La tempistica di presa in carico delle segnalazioni è di 7 giorni e chiusura dell’indagine entro 90 giorni.

Per gli enti del settore privato il Decreto prevede anche l’onere di procedimentalizzare le attività relative al Whistleblowing integrando il sistema dei controlli interni e degli assetti organizzativi mediante l’attivazione di un canale interno efficiente che consenta una gestione tempestiva ed efficace delle segnalazioni.

LE SANZIONI

ANAC può irrogare sanzioni da 10.000 euro a 50.000 euro nei seguenti casi:

  • Se sono state commesse ritorsioni o quando accerta che la segnalazione è stata ostacolata;

  • Se non sono stati istituiti canali di segnalazione, o che non sono state adottate procedure per l’effettuazione e la gestione delle stesse.

INFORMATIVA PRIVACY

Scarica QUI il .PDF della nostra informativa Privacy.

bottom of page